Come iniziare
Aree disponibili
Come iniziare con l'elimodellismo

Quando ci si avvicina a questo hobby la prima domanda che ci si pone (e si fa nei forum dedicati) è la seguente: che modello compro come primo elicottero ?

La risposta non è univoca perché ci sono diverse variabili da considerare. Le prime due sono il budget a disposizione e la possibilità di frequentare un campo di volo.

Se si può spendere senza troppi problemi e si ha la possibilità di frequentare un campo di volo, quindi di poter essere seguiti personalmente da altri appassionati con esperienza, si può scegliere un modello di grosse dimensioni, anche a scoppio. Nei voli di apprendimento la propria radio potrà essere collegata in modalità allievo-maestro, in modo tale che la persona esperta possa correggere gli errori di pilotaggio senza far schiantare il modello.


Se il budget è limitato e non si ha la possibilità di frequentare un campo di volo chi inizia deve necessariamente fare esperienza da solo. A questo punto la scelta del modello diventa ancora più importante, perché può condizionare il futuro del modellista.

Ci sono principalmente due scuole di pensiero in merito: iniziare con un modello coassiale o con uno a rotore di coda, ciascuna opinione con ulteriori suddivisioni.

Il modello coassiale è caratterizzato dall'avere due rotori principali sullo stesso asse che girano in senso contrapposto per contrastare la controcoppia generata (principio fisico della conservazione del momento angolare) e di non avere il rotore di coda verticale
Vantaggi: i coassiali sono molto semplici da pilotare, stanno praticamente in aria da soli soli essendo molto stabili
Svantaggi: la loro semplicità può annoiare dopo poco tempo, non insegnano a pilotare modelli più complessi, generalmente sono adatti solo al volo al chiuso (indoor)
Il coassiale può essere una valida scelta per chi si avvicina a questo hobby per pura curiosità e non sa se diventerà una vera passione, oppure per chi non ha interesse in futuro a volare all'esterno.

Ipotizzando di acquistare un modello coassiale l'aspirante elimodellista ha un'altra scelta da fare: tra un modello con radio a 3 canali oppure 4.
Quelli a 3 canali hanno normalmente la radio ad infrarossi ed una piccola elica posteriore orizzontale, la quale fa sollevare o abbassare il modello causando l'avanzamento o l'indietreggiamento. La qualità e precisione del volo è piuttosto bassa, ma costano poco.
Quelli a 4 canali non hanno l'elica posteriore, il rotore è dotato di piatto ciclico: questo permette una maggiore precisione del volo, ma costano di più.


Coassiali a 3 e 4 canali


I modelli a rotore di coda sono tendenzialmente più difficili da pilotare, perché non tendono a tornare da soli in posizione orizzontale, come invece fanno i coassiali, che per loro natura tendono a stare automaticamente in hovering.
Vantaggi: i modelli a rotore di coda sono la scuola per imparare a pilotare qualunque tipo di modello (elettrico o a scoppio, grande o piccolo), essendo più impegnativi danno anche molta più soddisfazione nel volo
Svantaggi: la curva di apprendimento può essere piuttosto ripida all'inizio, può passare del tempo prima di far volare il proprio modello con risultati apprezzabili

Ipotizzando di scegliere un modello a rotore di coda ci sono ulteriori variabili da considerare: i modelli a passo fisso (in inglese Fixed pitch) o a passo variabile. Tra i modelli a passo fisso abbiamo una ulteriore suddivisione: quelli con flybar a 90 gradi o 45 gradi.

I modelli a passo fisso hanno l'inclinazione delle pale bloccata: la quota di volo è influenzata unicamente dalla velocità di rotazione del rotore. Questi modelli hanno normalmente la radio a 4 canali e un piccolo motore elettrico per il rotore di coda, con i palini ad inclinazione fissa. La rotazione sul proprio asse del modello è causata anche in questo caso dalla variazione di velocità di rotazione del motorino (comandata dal giroscopio).

La differenza tra i modelli a passo fisso e flybar a 90 gradi o 45 gradi è relativa all'angolo creato tra la flybar e l'asse delle pale principali.
I modelli a 45 gradi sono più docili e stabili nel volo, sono numerosi i commenti di chi paragona la facilità di guida di questi modelli a quelli coassiali.
In base alle opinioni che si leggono sui forum di discussione un modello a passo fisso e flybar a 45 gradi sembra un ottimo candidato per diventare il primo elicottero dell'aspirante elimodellista. Lo svantaggio è rappresentato dalle dimensioni, generalmente troppo piccole per volare all'aperto.

I modelli con flybar a 90 gradi sono meno docili da portare e richiedono un maggiore impegno nel pilotaggio, ma essendo di dimensioni maggiori possono anche volare all'esterno, in condizioni di assoluta calma di vento.


Passo fisso con flybar a 45 e 90 gradi


In ogni caso, indipendentemente dalla scelta finale, un buon simulatore di volo permette di fare pratica senza rischiare di rompere prematuramente il proprio modello ed è assolutamente consigliato (eventualità che comunque un elimodellista deve considerare come sicura, prima o poi).

Altre opinioni che si leggono sui forum spingono molto sulla pratica da effettuare al simulatore, arrivando a consigliare come primo acquisto direttamente un modello a passo variabile, ma solo dopo aver imparato a padroneggiare perfettamente il proprio modello nel software.
In questo caso è necessario effettuare una scelta in base alle dimensioni dell'elicottero.
Un modello di grandi dimensioni (es. classe 500 o più grande) è più stabile di uno di dimensioni minori (es. classe 450), ma sono più costosi nell'acquisto perchè le batterie devono essere più capienti, il motore più potente, il regolatore deve erogare una corrente più alta.